DOVE MANGIAMO STA SERA?

Arriva il sabato e, come da rituale, si esce la sera a cena con gli amici o con la propria compagna.

Vi è sempre uno scambio di idee tra uomo e la di lui donna che seguono la domanda: “ Cosa facciamo sta sera?”

Tutto sommato, noi uomini, siamo degli esseri semplici. Una bella pizza, una birra formato famiglia, un caffè e siamo contenti. Dobbiamo tenere conto, però, della persona che ci sta accanto. A volte capita che la ragazza accetti la pietanza italica per eccellenza, vale a dire la pizza, ma molte altre volte esprime il suo voler continuamente andare alla ricerca di novità. “ No, la pizza sta sera non mi fa voglia! e poi mi gonfia!”. Ed ecco che dal magico e satanico strumento, quale il cellulare, si apre Trip Advisor accompagnato dalla voce stridula femminile che ti dice, con tono beffardo : “ dai, vediamo cosa c’è nei dintorni!”. E da questo momento si entra nella spirale di lettura di recensioni e commenti di ogni tipo di bar, ristorante, kebab e etnico che la Divina commedia a confronto risulta leggera come un depliant della Conad.

smartphone-da-donna-744x445

Ecco che però la lettura del “breviario” si interrompe per uscire ed andare a prendere, almeno qui al nord, il consueto aperitivo prima di cena. Con la speranza nel cuore e nella mente che, degustando un buon calice di vino, vengano dimenticati tutti i ristoranti più strani ed inquietanti che consiglia la rete, si pregusta già un: “ ma si dai, ormai è tardi, mangiamoci una pasta o una PIZZA!”.

esercizi-per-la-mente_o_su_horizontal_fixed

Ahimè no. Lei non si dimentica. Mai. Nemmeno del Kebabbaro di periferia visto sulla pagina numero 3456 di Trip Advisor. Estrae dalla borsetta di Minnie il suo smartphone ultimo modello e ricomincia da capo a leggere recensioni, commenti e insulti di tutti i peggiori o migliori locali della zona.

Ad un tratto, dopo 7 prosecchi e 32 gingerini ( notare che lei deve ancora finire il primo calice di vino poiché immersa nella lettura del web) le si accendono gli occhi ed esclama: “ ANDIAMO AL SUSHI!!!!”.

20170318_noi2magazine_uomo-terrorizzato-735x400

Come molti sanno “Sushi” significa mangiare fino alla perdita dei sensi immersi in un aria leggermente stantia con odori che ricordano la spiaggia tra settembre e ottobre contornata da mille occhi a mandorla che ti fissano finché non hai ingerito anche l’ultimo chicco di riso.

“ Va bene, andiamo al Sushi”, e con tono mesto ci avviciniamo al locale.

Dopo 64 piatti da 16 pezzi ciascuno, pensando di aver finito e di poter finalmente rotolare fuori dal locale, lei, con gli occhi da cerbiatta ti guarda e mestamente dice: “ Prendiamo l’ultimo piatto?”. La risposta più semplice da parte nostra è :” Prendilo tu, sono già sazio!”. Detto ciò credi che, quale essere estremamente intelligente ,rinneghi l’idea dell’ultima portata e invece…No! arriva il piatto di 8 pezzi e, dopo averne mangiati con enorme sforzo due ti guarda nuovamente come Bambi guardò sua madre prima che morisse e ti dice: “ non ce la faccio più, li finisci tu??”. In quel momento ti verrebbe voglia di ordinare altri 62 Kg di sashimi e farglieli mangiare tutti, ma ti trattieni. Sapendo che in questi ristoranti ciò che viene avanzato lo paghi a parte e, perciò, non volendo pagare 10€ degli avanzi che poi verrebbero buttati, apri le fauci e “appoggi” sulla lingua un pezzo alla volta. Lascio immaginare lo sforzo sovrumano. Sarebbe come imbottire un cuscino già imbottito.

hqdefault

Usciti dal locale si fanno due passi prima di tornare alla macchina. I due passi dovrebbero diventare 22 Km per smaltire le 1500 portate ma tant’è.

Stremato dall’affaticamento digestivo, sali (rotoli) in auto, tanti di metterti la cintura con uno sforzo immenso, metti in moto, ingrani la retro e… “ Amore, buono questo sushi vero? Non mi è stato per nulla sullo stomaco!”

Cari amici ed amiche, meglio non rivelare i pensieri dopo tale affermazione. Vi auguro una bella giornata in assenza di Sushi.

A presto,

PG

“Pronto? Sono in auto, parla pure!”

La domanda che tutti noi uomini ci facciamo quando vi scorgiamo al volante, ferme al semaforo o in marcia: ma aspettate di dover guidare per poter telefonare?!

Probabilmente sarà un caso ma, il 90% delle donne al volante che vedo, stanno al cellulare. L’altro 10% si guarda allo specchietto retrovisore, cercando di scorgere qualche imperfezione sul fondotinta.

Siamo nel 2017 e la tecnologia nelle automobili si è trasformata talmente tanto da arrivare a livelli fantascientifici. Bluetooth, navigatori touch-screen, addirittura ora puoi dettare gli sms all’auto che, collegata al tuo cellulare, li scrive e li invia senza che tu debba nemmeno degnare uno sguardo al numero del destinatario. Insomma, il Millennium Falcon a confronto è una ciabatta.

Eppure c’è sempre una cosa che mi convince poco: perché la maggior parte di voi parla con il cellulare all’orecchio?

Ho cercato mille risposte, ho imbastito tesi ma niente, non ne sono venuto a capo.

Devo dire che su una cosa avete pienamente ragione: sapete fare più cose allo stesso tempo. Sinceramente, anche se non ci ho mai provato per ovvie ragioni di sicurezza, sono ammirato da come possiate guidare, telefonare, truccarvi, fumare e bere quella stramaledetta bottiglietta d’acqua che manco un cammello nel deserto dimostrerebbe tanta sete quanto voi.

19695553-Piuttosto-giovane-donna-applicare-il-trucco-parlando-al-telefono-e-bere-caff-durante-la-guida-di-un--Archivio-Fotografico

Lasciandoci alle spalle il vostro lato “social da ritiro di patente”, passiamo alla vostra innaturale posizione di guida.

image

Aprite lo sportello, vi sedete, ecco, la cintura, lo specchio retrovisore e… Ma come diavolo fate a guidare così vicine al volante? Ma soprattutto, che diavolo cercate oltre al cofano, con la testa rivolta verso l’alto come se foste un bambino che è troppo basso per vedere al di là di una muretta?

La posizione di guida di voi donne è, con qualche eccezione, uguale per tutte: Volante stretto tra le mani a mo’ di pretzel da addentare, sguardo alla ricerca di qualcosa oltre il vano motore, pedali utilizzati come se foste impegnate a schiacciare insetti con i talloni e cambio trattato come un piede di porco per scassinare una porta.

Quello che comunque, straordinariamente, riuscite a fare, è arrivare a destinazione incolumi. E così, grazie a Dio, anche i vostri passeggeri e gli altri automobilisti.

Dopo questa valanga di luoghi comuni (o no?) e frecciate nei confronti delle vostre abilità di guida, spero che non vi siate offese ma,al contrario, prendiate queste poche righe con estrema simpatia. Questo perché siete sicuramente gli esseri più intelligenti e arguti che esistano sul pianeta terra. Per questo non potremmo mai fare a meno di voi.

Chiedo Venia,

PG